Blog

This is the category description for this category. You can change it here: Post > Categories. This is an excellent way to attract your users and explain what this category is all about and also explain what they can do in this category and how does it matter to them.

Colore Pantone per Prince: è il viola di “Purple Rain”

fonte articolo e foto – sorrisi.com – musica – lorenzo di palma

Diventa uno standard grafico il colore “feticcio” del genio di Minneapolis.

Si chiama ufficialmente Love Symbol #2 ed è un “nuovo” viola, codificato dal Pantone Color Institute in onore di Princescomparso a 57 anni nell’aprile del 2016. La nuova tonalità di Pantone infatti si richiama apertamente a Purple Rain, un canzone, un disco (sesto album del musicista) e un film che portarono alla ribalta internazionale il genio di Minneapolis.

Per realizzare la nuova sfumatura l’azienda americana che “certifica” e cataloga i colori ha usato il viola del famoso piano (lo Yamaha Purple) di Prince e ora il “nuovo” colore è pronto per trasformarsi in uno standard grafico.

“Siamo onorati di aver lavorato allo sviluppo di Love Symbol #2, una nuovissima tonalità viola creata in memoria di Prince – ha spiegato Laurie Pressman, vicepresidente di Pantone Color Institute -. Era un’icona musicale nota per la sua brillantezza artistica, Love Symbol #2 è emblematico del suo stile distintivo”.

Read More

Guarda il debutto da solista di Liam Gallagher sulla tv USA

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione.

Nei giorni scorsi l’ex voce degli Oasis ha detto che il suo futuro dipende da ‘As You Were’, in uscita il 6 ottobre: se andrà male smetterà di fare musica.

Liam Gallagher ha fatto il suo debutto da solista sulla tv americana, esibendosi al Late Show with Stephen Colbert. L’ex voce degli Oasis ha regalato agli spettatori una performance di For What It’s Worth. La traccia sarà inclusa in As You Were, in uscita il 6 ottobre.

Gallagher aveva diffuso pochi giorni fa la studio version del brano, descrivendolo come «il più Oasis del disco». Liam ha poi cantato Wall Of Glass, il primo singolo estratto dall’album.

Nei giorni scorsi ha detto che il suo futuro dipende da questo disco: se andrà male smetterà di fare musica e di andare in tour, ma ha promesso che non si lascerà mai tentare da una traccia di dance elettronica.

«Se l’album esce ed è un fiasco perché farne un altro?» ha spiegato a The Daily Star «Non c’è motivo di sottoporsi a tutte quelle interviste e andare in tour se nessuno lo vuole».

«Andare in tour è dura» ha continuato «Soprattutto a quest’età e soprattutto se non si presenta nessuno ai concerti. Penso che farò qualcos’altro, posso sempre scrivere musica a casa, per piacere».

«Non cambierò genere: non farò un brano di dance elettronica solo per salire su quel carro e stare sotto i riflettori».

Parlando delle aspettative sul disco Liam ha spiegato: «Ci sono un sacco di persone che lo odieranno senza nemmeno averlo sentito, solo perché è mio».

Read More


Gente de Zona: “Si No Vuelves” impara la coreografia ufficiale (Video Tutorial)

fonte articolo e foto – altinmusicoficial.com – redazione.

Balla con noi… impara la coreografia di “Si No Vulves” degli Gente de Zona  

Didy e le Choco-latinas crew ci presentano con un fantastico tutorial mostrandoci i passi della coreografia ufficiale di “Si No Vuelves”, l’ultimo successo degli Gente de Zona uno dei gruppi di musica latina più influenti degli ultimi anni.

Ora è tempo di ballare impara i passi della coreografia:

Read More

Technoir, soul per dimenarsi un po’

fonte articolo e foto rollingstone.it – claudio biazzetti.

Da Genova ma con origini greche e nigeriane, il duo chitarra e voce suona musica sospesa tra Flying Lotus e Prince. Li abbiamo scoperti per caso e ci sono piaciuti così tanto che dovevamo incontrarli.

C’è già un altro duo che si chiama Technoir. Però, senza nulla togliere ai due dark waver tedeschi attivi nei primi Duemila, è meglio se d’ora in poi teniamo in mente solo Alexandros e Jennifer. Lui è di origini greche, lei nigeriane, ed entrambi sono cresciuti a Genova con il pallino per il soul e il jazz. Morcheeba, Ray Charles, Gil Scott-Heron: a un certo punto, sei o sette anni fa, la band si è fatta duo, le jam session di cover si sono fatte pezzi originali e l’amicizia si è fatta amore.
Pubblicità

Da allora la coppia è indivisibile. «Ci piace giocare a fare i jazzisti, ma con un’attitudine punk», racconta Alexandros, chitarrista diplomato al conservatorio, ma in musica elettronica. «Non jazz vecchio stile, a noi dal palco piace vedere la gente dimenarsi». E fidatevi che succede. Nessuno di noi in redazione ha ricevuto comunicati stampa sui Technoir. Li abbiamo semplicemente visti suonare al Santeria di Milano. È stato così bello scoprire che anche in Italia possono esistere band simili agli Internet (seppur in versione concentrata rispetto ai californiani), che l’intervista è venuta da sé.

C’è anche un album di mezzo, New Ecosystem Musically Improved (abbreviato NEMUI) che è nato fra le mura dell’appartamento milanese della coppia, 30 anni lui e 26 lei. Non un banale soul emozionale il loro, ma un profondo glitch dell’acid jazz degli ultimi vent’anni, che entra nella nuova ondata post-black guidata da Flying Lotus e tutti gli altri scampanati di Brainfeeder.

In più, la chitarra nervosa di Alexandros sulla voce di Jennifer aggiunge quell’elemento à la Prince che mette sempre d’accordo tutti. La prossima mossa è fare un po’ di live in giro per l’Italia e l’Europa, ma anche di tornare il prima possibile a Milano. Bisogna pensare al nuovo disco. «Non siamo tipi da studi di registrazione iper-sofisticati», scherza Jennifer. «Preferiamo una tazza di caffè sul divano, a casa. Meglio se in pigiama

Read More


Milano Latin Festival: 13 Agosto 2017: Concerto Live Enanitos Verdes

fonte – milanolatinfestival.it

Il 13 Agosto 2017 confermato l’attesissimo concerto Live della rock band argentina Enanitos Verdes al Pala LG del Milano Latin Festival 2017.
Ingresso: Online €15,00  (+ €1,5 d.p.) // In cassa €15,00 // Primera Fila €20,00
Info e Prenotazioni Area VIP areavip@milanolatinfestival.it

Biografia

LOS ENANITOS VERDES è la band formata da MARCIANO CANTERO, voce e basso, e FELIPE STAITI alla chitarra.
Questa band è nata nella città di Mendoza, in Argentina, nel mese di novembre 1979 con Marciano, Felipe e Daniel Piccolo alla batteria.
Hanno cominciato a suonare in vari pub, per poi passare a piccoli teatri non solo in provincia, ma anche nei luoghi vicini, diventando rapidamente la band più popolare e richiesta nell’area di Mendoza e Cuyo.
All’inizio del 1983 vanno a Buenos Aires per tentare la fortuna, suonando in pub e bar.

Nel 1984 il trio è stato invitato a partecipare al “Festival de La Falda“. LOS ENANITOS VERDES quell’anno è stato eletto “Grupo Revelación” del festival, acclamati dal pubblico e dalla stampa.
Dopo il festival, CANTERO, STAITI e PICCOLO vanno a Buenos Aires con Sergio Embrioni come musicisti ospiti e registrano per l’etichetta indipendente MORDISCO il loro primo LP, “Los Enanitos Verdes“. Questo primo album includeva il brano “Aún sigo cantando“, che ha spopolato nelle radio della capitale diventando rapidamente un “classico” del rock argentino.
Nel 1986 hanno pubblicato il loro secondo LP, “CONTRARRELOJ“. Con brani come Simulacro de tensión, Tus viejas cartas e LA MURALLA VERDE – il grande successo che li ha portati ad essere una delle band più popolari della musica rock che parla spagnolo – comincia a diffondere la sua popolarità in tutta l’Argentina e comincia a suonare nelle radio dei paesi limitrofi.

Nel 1987, OHANIAN PRODUCCIONES promuove lo sviluppo della band di fuori del paese. LOS ENANOS, registrano il loro terzo album, “HABITACIONES EXTRAÑAS” con brani come Por el resto de tus días, Te vi en un tren.
Nel 1988, il gruppo è invitato al “Festival Internacional de la Canción de Viña del Mar“, accreditandosi due “Antorchas de Plata
I loro album si ascoltano in tutta l’America Latina; dando vita così al loro primo tour latino americano lo stesso anno.
Nel 1988, LOS ENANOS hanno registrato il loro quarto LP, “CARROUSEL“.
Fino a Marzo 1989, portano il Carrousel Tour in tutta l’Argentina, il Messico, Honduras, Costa Rica e Guatemala.
Nel 1989 incidono “HABIA UNA VEZ“. Nel 1992 hanno registrato “IGUAL QUE AYER“. Con canzoni come “Igual que ayer y Amigos” raggiungono rapidamente il DISCO DE ORO. Con il “Jurasic Tour” attraversano tutta l’America Latina.

Il 1994 è l’anno del “Lamento boliviano” incluso nell’album “Big Bang“, che diventa DISCO DE PLATINO in Argentina. Durante il 1994 promuovono il “Big Bang Tour” viaggiando attraverso Argentina ed altri paesi dell’America Latina.
LOS ENANOS suonano a Buenos Aires di fronte a più di 40.000 persone. Nel mese di novembre si spostano a Caracas a “II Festival Iberoamericano de Rock“, poi Quito, Ecuador, e il 19 marzo, sulla spiaggia di El Silencio a Lima, Perù, assistono al loro concerto 60.000 persone.
Il “Gira BIG BANG” con un totale di 129 spettacoli in Argentina, America Latina e USA, diventa il più lungo tour di una rock band Argentina.
L’album, pubblicato in Spagna nel ’95, occupa i primi posti nelle principali classifiche della Spagna.

GUERRA GAUCHA” è il nome del nuovo album, registrato e mixato interamente a Los Angeles, con collaborazione e direzione artistica di Jeff Baxter (Doobie Brothers, Steely Dan). Registrato e mixato da Gustavo Borner, prodotto e diretto artisticamente da LOS ENANOS, conta ospiti di primo piano: il maestro Domingo Cura (grancassa e cajon), Daniel Binelli (bandoneon), Luis Conte (percussioni) e Cosme, di Café Tacuba, ed un duetto con Marciano nel brano ELLA. Su tutti, pezzi come “Dale Pascual“, cover dei primi anni ’80 come “¿No te sobra una moneda?” e ballate mozzafiato “El día es claro” e “Eterna soledad“.
LOS ENANITOS VERDES ha fatto quello che è stato il primo vero tour di un gruppo di rock argentino nel territorio degli Nord Americano. Suonarono in nove città dell’Unione Americana e durante questo periodo il tour è stato esteso a USA, Messico e America Centrale.

Tornati in Argentina hanno fatto una esibizione con il Governo della Città di Buenos Aires nella Piazza delle Nazioni, in cui è stato calcolata una affluenza di 50.000 persone. Nei mesi di giugno e luglio terminarono la registrazione negli Estudios El Pie, con l’ingegnere e produttore inglese Nigel Walker, PLANETARIO, del nono album della band. L’album, intitolato TTRACCIÓN ACÚSTICA, versione acustica dei brani che sono stati i più grandi successi del gruppo, sarà pubblicato nel 1998.

I brani che compongono TRACCIÓN ACÚSTICA sono: Por el resto, Te vi en un tren, Cada vez que digo adiós, Sólo dame otra oportunidad, Tus viejas cartas, Aún sigo cantando, Guitarras blancas, La muralla verde, El extraño del pelo largo, No me verás – brani impegnati con una versione eccellente di “Metro Balderas” di Rockdrigo, resa popolare in Messico dal leggendario Alex Lora EL TRI e due anteprime: El guerrero e Fiesta jurásica. Iniziano un nuovo tour in Messico, Argentina, Bolivia e Lima, Perù e Stati Uniti.

Nel 1999 hanno iniziato a preparare il loro undicesimo album NECTAR con Coti Sorokin, loro coproduttore di questo nuovo album. Esso contiene canzoni come “Cordillera”, “Luz de día”, “Rebeca”.
Nei mesi successivi, la band fece un tour degli USA, Messico e America Centrale facendo 27 spettacoli in Messico, Guadalajara, USA, con una stima di 80.000 spettatori.
Ebbero una nuova nomination per l’edizione XLII dei Grammy Awards, la seconda consecutiva, nella categoria “Best Latin Rock/Alternative Performance“.
In Watcha Tour nel 2000, fanno 17 spettacoli da protagonisti con Molotov, Aterciopelados, Café Tacuba, A.N.I.M.A.L. e altri.
Nel mese di febbraio hanno iniziato un piccolo tour negli USA, Messico e Porto Rico.
Eseguirono alcuni spettacoli in Argentina, con l’esibizione al Teatro Gran Rex a Mendoza, loro città natale.
Suonarono in tour con i Jaguares, e fecero altre esibizioni. 18 spettacoli in Messico. Nel corso del Watcha Tour del 2001, fecero un totale di 39 spettacoli in 58 giorni. Al termine, si concentrarono nella produzione del nuovo album, il dodicesimo, AMORES LEJANOS.
Tra i brani inclusi, vi sono: Francés limón, Amores lejanos, Abrazando ausencias, Olvidarte, e così via. Come sempre, tutte le canzoni sono composte da Marciano Cantero e Felipe Staiti, in collaborazione con altri musicisti argentini.
Con Amores Lejanos, ENANITOS hanno fatto tre presentazioni in Europa che comprendevano le città di Londra, Madrid e Barcellona.
Il 31 maggio si è tenuta la presentazione ufficiale di “Amores Lejanos” in Argentina suonando al Teatro Gran Rex a Mendoza, loro città natale.

Il nuovo album chiamato EN VIVO diventa rapidamente un successo assoluto, il primo singolo “Tu cárcel” sale ai primi posti nelle classifiche di USA, Messico e altri paesi dell’America Latina. EN VIVO raggiunge il Disco de Oro in Messico e si spera lo stesso negli Stati Uniti, dove ha già venduto circa 80000 copie. Nel frattempo inizia il tour in tutta l’America.
Nel 2006 Enanitos hanno iniziato con le prove finali per quello che sarebbe stato il loro album numero 14. L’album è stato registrato a Burbank, California nel Igloomusic Studio, diretto e coprodotto dall’ingegnere Gustavo Borner e vedrà la luce nei negozi in tutta l’America nel Giugno 2006.
Nel 2007 presentano PESADO ORIGINAL. Daniel Piccolo lascia la band.
Nel 2010 esce “Inéditos” e nel 2013TIC TAC“, registrato nel corso del 2012.
[Tratto dal Sito Ufficiale losenanitosverdes.net]


La sangre colombiana, peruana, cubana y Italiana se fusionan para formar BS band Urbana creada por Eddy G. de Colombia y Sky  de Perù y ahora junto al TEAMBS  (AD de Cuba  y Wispaman de Italia) se fusionan para forman la que hoy es conciderada la mejor Banda Urbana en Europa.
BS un crosover de Varios generos Urbanos (reggaeton, reggae, dancehall, electrónica, trapton, Rock, Urban Latin) en un sonido diferente y Musical, llevando su musica en toda Europa y al otro lado del continente, siendo el nuevo grupo revelacion en Europa y ganando el LATIN MUSIC ITALIAN AWARDS  como mejor banda Urbana recidiente en Italia 2016.

El gran salto de BS lo dieron al ser contactados por un reconocido sello europeo, líderes de la música latina de calidad en Europa.
En enero 2014 sale el primer EP en todos los portales de ventas musicales  on line con el nombre de Bandspansh .
El paso a la internacionalización vendría con el lanzamiento de “Delito” (2015)  con el nombre de BS, ubicándose al primer puesto en las radios Peruanas, Colombianas y ahora en el mundo. Esta última producción discográfica fue realizada por el TEAMBS y trabajando con la mano de Lewis Picket, , técnico en sonido que puso su talento como ingeniero de Mezcla con la agrupación Gente de Zona y Marc Anthony, ganando el Grammy 2017 a mejor Mezcla del disco ” Visualizate” de Gente de Zona, entre otros.
BS en febrero 2016 realiza un viaje gira  promocional a Perú, estuvieron en programas televisivos así  como en radios y en diferentes  medios de comunicación como revistas y periódicos nacionales . Además realizaron una serie de conciertos recibiendo la aceptación del público Limeño . BS  no dudó en grabar imágenes en dicho país para la realización di un videoclip del tema “LIMEÑAS” canción que rinde homenaje a Lima capital y sus bellezas culturales .

BS ha condividido tarima con varios artistas como La Nueva Escuela (RD),  El Gran combo de Puerto Rico (PR) , Jacob Forever (Cuba), Oscar Quesada ( Colombia), Yomil  y El Dany ( Cuba), Gente de Zona (Cuba) presentaciones en festivales , discotecas, club privados a lo largo de Europa.
De regreso de su gira promocional en radios, periodicos,conciertos y en televisiones Perúanas, BS regresa más fuerte que nunca con su nueva gira en toda  Europa 2017 la cual actualmente esta llevando su musicalidad  y su forma agresiva, romantica de romper tarima . Lo que ahora para muchos es el nuevo format musical Urbano! Completamente en vivo.

Facebook: BS 
Instagram: BS_fanspage 
YOUTUBE: BS. TV

Read More

20 anni di ‘South Park’: ecco come tutto è iniziato

fonte articolo e foto – rollingstone.it –  .

‘The Spirit of Christmas’ è il corto animato che ha dato vita ai personaggi di Trey Parker e Matt Stone.

All’inizio di luglio Hulu ha firmato un mega-accordo – roba da 192 milioni di dollari – con Trey Parker e Matt Stone, i creatori di South Park. La serie andrà in onda fino al 2019, e lo stream sarà esclusivamente su Hulu che, per il capolavoro satirico di Parker e Stone, ha pagato molto di più che per una serie altrettanto di culto come Seinfeld.

Tutto questo non sarebbe mai successo se i due creatori non si fossero incontrati nel 1992: erano entrambi studenti dell’Università del Colorado, dove Parker era al lavoro su un film chiamato Giant Beavers of Southern Sri Lanka. «Era una specie di Godzilla», ha spiegato a Rolling Stone nel 1998. «Ma con un castoro gigante. C’era questa ragazzina con un costume da castoro che terrorizzava la città».

Una volta conosciuto Stone, i due si sono armati di carta, penna e c-c-colla vinilica per girare un cortometraggio animato intitolato The Spirit of Christmas. I protagonisti sono quattro giovani del Colorado che danno accidentalmente vita a un pupazzo di neve, costringendo poi Gesù a combatterlo. «Siamo andati in una scuola qualche giorno fa», ha detto Parker. «Tutti i ragazzi ci chiedevano: “Ma come vi è venuta l’idea?”, non potevamo certo dirgli “Acidi, acidi e ancora acidi”, no?».

L’originale The Spirit of Christmas – che potete vedere poco sopra – era un lavoro impreciso, sì, ma c’erano molte delle idee che qualche anno dopo avrebbero reso South Park un caso nazionale: il look dei protagonisti, la morte esagerata e violentissima di Kenny, il trattamento della figura di Gesù e anche la morale finale. La differenza più evidente? Kenny somiglia a Cartman e Stan è molto più cattivo del solito.

Parker e Stone lo hanno proiettato per la prima volta nel ’92, ma si sono subito dedicati al progetto successivo: Cannibal! The Movie. Poi, nel 1995, un executive della Fox ha comprato il corto per fare uno scherzo ai suoi amici. Dopo qualche giorno The Spirit of Christmas era sulla bocca di tutti; dopo qualche mese Parker e Stone firmavano il primo contratto con Comedy Central. Il resto è storia.

Read More


Bruce Springsteen arriva a Broadway

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione.

«Sarà uno spettacolo intimo e personale. Io, la mia chitarra, la musica e la storia della mia vita», ha detto il Boss.

Bruce Springsteen ha finalmente confermato il suo spettacolo a Broadway, dove si esibirà per otto settimane a partire da ottobre. La notizia gira ufficiosamente da mesi, ma il Boss si è sbottonato solo nelle ultime ore: «ho scelto Broadway per questo progetto perché sono teatri antichi e meravigliosi, la location perfetta per quello che ho in mente», ha detto.

«Se devo dire la verità, poi, il Walter Kerr Theatre, con i suoi 960 posti, è la location più piccola in cui mi sono esibito negli ultimi 40 anni». Lo spettacolo andrà in scena cinque sere a settimana: sul palco, oltre alla musica di Springsteen, anche alcuni estratti della sua autobiografia Born To Run.

«Lo spettacolo sarà intimo e personale. Ci sono io, la chitarra, il piano e le parole», ha continuato il Boss. «In alcuni momenti è cantato, in altri recitato. C’è tutta la storia della mia vita e del mio lavoro». Springsteen on Broadway debutterà il 12 ottobre.

 

Read More

Donatella Versace canta ‘Versace on the floor’

fonte articolo e foto – rollingstone.it – redazione.

La stilista ha girato un video in lip-sync in omaggio al suo amico Bruno Mars

Donatella Versace colleziona dediche su dediche dai cantanti più pop e amati in circolazione. Dopo Lady Gaga, un altro artista ha celebrato la stilista e la casa di moda in uno dei suoi brani: si tratta di Bruno Mars con la sua Versace on the floor.

E la designer ha voluto rendere omaggio al suo amico Bruno con un video dove lei e i suoi modelli, tutti rigorosamente vestiti dal brand ovviamente, cantano in lip-sync il pezzo, ballano e si sdraiano sul pavimento (come da titolo) in quello che sembra un salone della lussuosissima villa di famiglia.

donatella versace on the floor 2

Natasha Poly, Binx Walton e Kiki Willems sono tra le protagoniste nelle immagini che RuPaul ha definito “a lip-sync extravaganza”. E visto che non ne esiste ancora uno, magari la clip diventerà il video ufficiale della canzone.

Read More